Justin Sullivan / Getty Images News / Getty Images

Gli Stati Uniti hanno 86.985.872 proprietari di case a partire dal 2012. Questo numero rappresenta il 65,5 per cento del mercato immobiliare americano. Il tasso di residenze occupate dai proprietari è rimasto costante dal 1960.

Circa l ‘ 81% delle coppie sposate possiede le proprie case, mentre per i singoli individui questa cifra scende tra il 47 e il 58%. Il tasso di proprietà della casa è tradizionalmente aumentato con l’età, con più di 81 per cento delle persone di età compresa tra 65 o più anziani possedere una casa contro il 37 per cento per le persone di età inferiore ai 35. In media, l’occupazione del proprietario è più alta nel Midwest e più bassa in Occidente. Circa il 75 per cento dei residenti Michigan e West Virginia possiedono le loro case, mentre questo è vero solo il 55 per cento dei californiani.

Più di 30 paesi possiedono tassi di proprietà di case più elevati rispetto agli Stati Uniti, tra cui Romania al 97%, Lituania al 92%, Singapore e Ungheria al 91%, Cina e Slovacchia al 90%, India all ‘87%, Messico e Italia all’ 80% e Canada al 69%. Corea del Sud, Germania e Svizzera hanno alcuni dei tassi di proprietà della casa più bassi del mondo a 54, 53 e 44 per cento rispettivamente.

Gli Stati Uniti Census Bureau definisce casa di proprietà come il numero di unità occupate dai loro proprietari, non come il numero di unità di proprietà senza un mutuo o altro carico di debito.

PUBBLICITÀ

Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.