Il Nationality and Borders Bill, Bill 14 del 2021-22, è stato pubblicato il 6 luglio 2021. La seconda lettura si terrà il 19 e 20 luglio.

Il disegno di legge implementerebbe molte delle misure delineate nel nuovo piano del governo per la dichiarazione sulla politica di immigrazione (pubblicato a marzo 2021). Il nuovo Piano è stato aperto alla consultazione pubblica per sei settimane.

Al momento della stesura, il governo non aveva formalmente risposto alla consultazione o pubblicato un’analisi delle risposte. Ha citato le continue pressioni della migrazione irregolare attraverso la Manica come motivo per cui è desideroso di procedere con il disegno di legge al ritmo.

L’immigrazione e l’asilo sono questioni riservate. Ciò significa che la maggior parte delle disposizioni del disegno di legge si applicano in tutto il Regno Unito.

Che cosa fa il disegno di legge?

I tre obiettivi principali del disegno di legge, e la dichiarazione politica sottostante, sono:

  • Aumentare l’equità del sistema per proteggere e sostenere meglio le persone bisognose di asilo.
  • Scoraggiare l’ingresso illegale nel Regno Unito, rompendo così il modello di business delle reti di contrabbando di persone e proteggendo la vita di coloro che mettono in pericolo.
  • Per rimuovere coloro che non hanno il diritto di essere nel Regno Unito più facilmente.

Nazionalità

Varie anomalie storiche e aree di ingiustizia nella legge sulla nazionalità britannica sarebbero state rimosse. Sarebbe introdotto un requisito aggiuntivo per le domande di cittadinanza presentate per conto di bambini apolidi nati nel Regno Unito.

Asilo, migrazione irregolare ed esecuzione

I viaggi irregolari nel Regno Unito e le richieste di asilo tardive sarebbero scoraggiati e penalizzati in vari modi. I partecipanti irregolari avrebbero limitato l’accesso al sistema di asilo del Regno Unito e potrebbero ottenere diritti di immigrazione inferiori se permesso di rimanere. Il disegno di legge consente anche il trattamento off-shore delle richieste di asilo e codifica l’interpretazione del Regno Unito dei concetti chiave nella Convenzione sui rifugiati del 1951.

Il disegno di legge introduce nuovi modi per scoraggiare le richieste senza merito e le richieste tardive. Questi includono un nuovo processo di “rimozione prioritaria”, che includerebbe una nuova ammissibilità per la consulenza legale finanziata con fondi pubblici, e un nuovo processo di appello rapido per i casi detenuti.

Il disegno di legge amplierebbe le sanzioni penali per i reati connessi all’ingresso illegale e alla facilitazione dell’immigrazione illegale e aumenterebbe le sanzioni massime associate. Darebbe inoltre al personale di frontiera e di immigrazione ulteriori poteri per fermare e reindirizzare le navi fuori dai mari territoriali del Regno Unito, fatte salve le responsabilità legali internazionali del Regno Unito.

Tratta e schiavitù moderna

Alcune misure sono intese a sostenere l’identificazione precoce delle potenziali vittime della tratta o della schiavitù moderna e proteggere il sistema dall’uso improprio da parte di persone che fanno affermazioni infondate.

Questi includono l’introduzione di avvisi di schiavitù o tratta, modifiche alla soglia di motivi ragionevoli e una nuova soglia di “ordine pubblico” per negare la protezione a potenziali vittime di tratta e schiavitù che hanno commesso un crimine o agito in “malafede.”

Il disegno di legge crea anche l’obbligo legale di concedere un permesso limitato di rimanere alle vittime riconosciute della tratta o della schiavitù moderna in determinate circostanze.

Sfondo: Statistiche sull’asilo

Nel 2020 sono state presentate circa 29.500 domande di asilo, meno che nel 2019, ma più o meno lo stesso numero del 2018. Il numero di persone in attesa di una decisione iniziale e il numero soggetto a rimozione erano al loro livello più alto in 2020 da quando la serie di record è iniziata in 2011.

Guardando all’esito finale delle domande di asilo presentate tra il 2010 e il 2019, circa il 48% ha avuto esito positivo.

Il tasso comparabile per le domande decise tra il 2004 e il 2009 è stato inferiore, pari a circa il 34%.

Reazioni al disegno di legge

Al momento della stesura, pochissime parti interessate avevano pubblicato risposte dettagliate al disegno di legge.

Questo briefing si basa principalmente su una selezione delle risposte delle parti interessate al Nuovo piano per l’immigrazione, dove ciò è rilevante per le clausole del disegno di legge.

La maggior parte dei commenti degli stakeholder sul Nuovo piano si concentra sulle proposte che riguardano i migranti irregolari, i richiedenti asilo e le potenziali vittime della tratta e della schiavitù moderna.

Alcuni dei temi generali nelle risposte pubblicate sono:

  • Che le proposte del governo istituiranno un sistema di protezione “a due livelli”, che distingue ingiustamente i rifugiati a seconda della loro modalità di arrivo nel Regno Unito.
  • Dubbi sul fatto che le proposte siano nuove, praticabili e/o suscettibili di raggiungere gli obiettivi dichiarati.
  • Teme che le proposte siano contrarie alla giurisprudenza consolidata e al diritto internazionale sui rifugiati e/o possano essere vulnerabili a sfide giuridiche.
  • Critica che le misure delineate nel Piano (e nel disegno di legge) trascurano altri aspetti del sistema di asilo che necessitano di riforme e di modi più efficaci per migliorare l’efficienza del sistema di asilo.

Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.