I senzatetto nella Repubblica Centrafricana Gli attuali conflitti etnici hanno portato alla distruzione di oltre 1,1 milioni di case popolari nella Repubblica Centrafricana. Ecco le cause e gli impatti dei senzatetto nella Repubblica Centrafricana.

Cause dei senzatetto

Le cause dei senzatetto nella Repubblica Centrafricana sono la povertà, una guerra civile devastante e le recenti inondazioni. In 2018, circa 70% dei centrafricani ha vissuto in estrema povertà con meno di $1.90 al giorno. La povertà rende ancora più difficile sfuggire ai senzatetto in un paese pieno di conflitti. Inoltre, oltre un milione di persone sono senzatetto nella Repubblica Centrafricana a causa della loro guerra civile. Attualmente, più di 643.000 persone sono sfollate internamente nella Repubblica Centrafricana mentre 500.000 persone sono diventate rifugiati in Ciad, Repubblica Democratica del Congo, Repubblica del Congo e Camerun. Inoltre, le recenti inondazioni del 2019 hanno distrutto più di 10.000 case. Delle 44.918 persone colpite, 20.000 di queste persone sono state sfollate dalla capitale Bangui. Case e mezzi di sostentamento erano indifesi come gravi inondazioni si sono verificati in oltre 16 città.

Impatti dei senzatetto

I senzatetto hanno contribuito alla fragilità della nazione e dei bambini soldato, e hanno influenzato negativamente anche alcuni gruppi religiosi. La Repubblica Centrafricana è il 6 ° paese più fragile del mondo. Una nazione fragile è misurata dagli indicatori di instabilità come i senzatetto, ad esempio, in un paese. L’elevato numero di rifugiati e sfollati senza una casa sono esempi di indicatori sociali della fragilità della Repubblica Centrafricana. Gli indicatori politici includono la quantità di aiuti umanitari necessari e i conflitti violenti che i civili devono affrontare.

I senzatetto hanno anche contribuito alla guerra con conseguente bambini soldato e la distruzione delle comunità. Lo sfruttamento dei bambini senzatetto si è verificato quando 10.000 bambini sono stati costretti a unirsi a gruppi dell’esercito nella guerra civile. Inoltre, il numero di persone che cadono sotto spostamento e senzatetto è ancora in aumento. Gli attacchi previsti da gruppi armati costringono i residenti a trovare sicurezza in altre città o in campi di sfollati con cattive condizioni di vita. Più recentemente, circa 5.000 persone sono rimaste senza casa dal 18 maggio al 20 maggio di quest’anno a causa della violenza tra gruppi dell’esercito e forze governative.

I musulmani che vivono a Bangui hanno dovuto fuggire dalla città a causa della violenza contro di loro. La maggior parte delle loro case vuote sono state vendute illegalmente e ora sono occupate. C’è un processo complicato quando si tratta di tornare case ai proprietari dal momento che poche persone hanno titoli di proprietà; pertanto, il numero di casi che sono stati risolti è solo 18 su 475. I musulmani hanno paura di tornare, e quelli che tornano trovano altre persone che vivono nelle loro case. Il Norwegian Refugee Council di Bangui e i sindaci locali stanno lavorando per risolvere le controversie sugli alloggi e restituire i terreni rubati per porre fine ai senzatetto.

Il futuro della Repubblica Centrafricana

La Repubblica Centrafricana ha più che mai bisogno di aiuti umanitari. Nel 2018, ci sono stati 396 attacchi contro gli operatori umanitari. Mentre i combattimenti ne derivano, la violenza contro i gruppi di aiuto umanitario li sta inducendo a lasciare le aree che hanno più bisogno del loro sostegno. Questo mette a dura prova la quantità di aiuto che ricevono i centrafricani. Oltre il 50% della popolazione aveva bisogno di aiuti umanitari nel 2019, ma meno del 30% delle persone ha ricevuto sostegno.

Il governo della Repubblica Centrafricana ha avuto successo nella creazione e nell’attuazione del Piano di risposta umanitaria, che fornisce maggiori aiuti per garantire la sicurezza interna. Nel 2019, i donatori hanno raccolto 300.3 milioni di dollari per migliorare le condizioni di vita dei cittadini e prevenire i conflitti. Questo piano di risposta umanitaria ha sostenuto 1,1 milioni di persone, comprese quelle che affrontano i senzatetto nella Repubblica Centrafricana.

– Hannah Nelson

Foto: Wikimedia Commons

Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.